Pagina:Fogazzaro-IdilliSpezzati-1902.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 29 —


che io non sapevo niente. La signorina sorrise e io mi morsi le labbra.

— Una bella barchetta — diss’egli, dopo un momento. — Mi piacerebbe d’averla.

— La comperi — disse miss Harriet, con un sorriso impercettibile.

— Sì. E se prendo la barca, non prendo certo il barcaiuolo. Non mi piace affatto. Dev’essere un impertinente. E a Lei, signorina, piace?

Ella arrossi forte e io pure, temo. Evitammo di guardarci e la udii rispondere in tono scherzoso: — Lo rispetti, è il barcaiuolo nostro e non il Suo. — Oh, si, si! — rispose colui con un sogghigno. — Lo rispetto, ma insomma, Le piace?

— Lo credo onesto, e ciò che sopra tutto mi piace in un uomo è l’onestà.

I begli occhi azzurri si volsero a me e mi dissero: — Desiderava Ella di più? Deve accontentarsi di questo.

Non m’aspettavo di più e me ne accontentai, pensai ch’ell’era una intelligente, pronta, savia e franca creatura, e che chi l’avesse per moglie dovrebbe andare orgoglioso di lei.