Pagina:Fogazzaro-IdilliSpezzati-1902.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 46 —


— Piano! — fece la contessa, sottovoce, ma con sdegno. — Cosa fai stamattina? Dove hai la testa? Ecco che hai svegliato il bambino.

Infatti il piccino s’era svegliato, piangendo, nel suo lettuccio.

La signora alzò li capo dal guanciale e fece verso il lettuccio un imperioso: — Zitto!

Il bambino si chetò subito, non mise più che qualche breve vocina dolente.

— Questo caffè! — disse la signora. — Sei stata dal conte? Tien fermo! Cos’hai?

Cos’aveva, infatti, la cameriera? La tazza, la sottocoppa, la zuccheriera, il bricco e il vassoio susurravano qualche cosa di sospetto col loro tremolio. La contessa alzò gli occhi.

— Cosa c’è? — diss’ella posando la tazza.

Se il viso della cameriera era contraff’atto, quello della dama non era adesso meno turbato dallo sgomento e dall’incertezza.

— Niente — rispose la donna, tremante. La contessa le afferrò il braccio col vigore di una fiera.

— Parla — diss’ella.