Pagina:Folengo, Teofilo – Opere italiane, Vol. II, 1912 – BEIC 1821752.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


GIAMBATTISTA FOLENGO
Voglion non so qua’ saggi che ’l Vangelo
non mai debbiasi esporre al volgo in carte
con stil volgar, però ch’a lui giá il velo
del tempo ascose la piú santa parte.
Rispondo che, morendo, il re del cielo
squarciollo d’alto a basso acciò che sparte
sian or sue grazie al nobil, al plebeo,
tartaro, indo, latin, greco, afro, ebreo.