Pagina:Folengo, Teofilo – Opere italiane, Vol. II, 1912 – BEIC 1821752.djvu/262

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


12
Quell’anima gentil, ch’ad esser l’angue
fatt’era, ch’alzò Mòse nel deserto,
dover tre di lasciar quel corpo langue,
tant’è la sua bellezza e sommo merto;
di che s’attrista si, che ’l vivo sangue
stillava de le vene chiaro e aperto,
e, s’angel può dolersi, quel si dolse,
che ’l nostro pregio in bianco velo accolse.
13
Fatto poi questo, debilmente s’erge,
dal lungo orar, funesto e sanguinoso;
a Pietro e gli altri duoi tornando perge,
ma trova lor, ch’un fiume lagrimoso,
com’è costume suo, nel sonno imerge:
sonno digiuno, inqueto e pauroso.
Tre volte orò lesti, tre volte stolse
lor tre dal sonno, e di Simon si dolse.
14
Dolsesi del buon Pietro, il quale inanti
fu promissor d’invitta fideltade:
però, se gli occhi esterni non costanti
fór contra il sonno e l’ocio e securtade,
men fian gl’interni, avegna che prestanti
sian di ragione, a qualche aversitade,
ché ’l troppo confidarsi di se stesso
fa l’uom piú volte obliar ciò c’ha promesso.
15
Disse lor dunque: — Deh ! ché non potesti,
o Pietro, una sol’ ora vegghiar meco,
che tanto ardito al Mastro tuo t’offresti,
onde fosse periglio morir seco;
e tu, figliuol Giovanni, mi chiedesti
per bocca di tua madre, e Giacom teco,
sedermi a fianchi nel mio regno: e pure
di voi non è che vigilando dure !