Pagina:Folengo, Teofilo – Opere italiane, Vol. II, 1912 – BEIC 1821752.djvu/295

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


32
O sante alme, felici o voi, che, salde
di nostra fé colonne, giá scriveste
di veritá col vero, e cosi calde
d’amorosa pietá le menti aveste!
Or, se l’ ingiurie de le man ribalde
a Iesú fatte in carte non poneste,
mille, mill’onte, dico, ad una ad una
non le poneste in carte o in forma alcuna,
33
se cosi brevemente ven passaste
in cotest’atto estremo pien di doglie,
quanto fúr péste, lacerate e guaste
l’alte bellezze ov’ogni onor s’accoglie,
e rotto con guanciate, calci ed aste
Chi ’l merto in sé d’ogni fallir si toglie;
che far debb’io? Se dirlo vo’, fia segno
d’uom temeraro e di tal cura indegno.
34
Giust’è dunque ch’io taccia, non giá, lasso!
per la cagion che voi tacer lo fece:
mia sola indignitá mi chiude il passo,
ché dir si occulte cose non mi lece;
a voi sola pietá, che non di sasso
aveste cor, com’io, né umor di pece,
ch’io penso quel che ’l sol veder aborre,
né scaldami sospir né stilla scorre.
35
Ma voi, Gianni e Matteo, venuti al varco
di porre in croce il vostro car Maestro,
non portò amore de le pene il carco,
e ’l cor vi si stupi col braccio destro,
né a Luca i] buon Andrea, né Pietro a Marco
puotéol narrar, ché ’n guisa d’un alpestro
e muto scoglio stette e questo e quello,
entrando a dir de l’immolato Agnello.
T. Folengo, Opere italiane - ij.
>9