Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Distretto di Trento 119


Presa, alla distanza di 1.9 Kilm. dal suo capoluogo. Ha case fabbricate con qualche regolarità, parecchie logore dal tempo, e tuttavia conservanti qualche cosa di maestoso; una Chiesa antica con cappella interna decorata da due quadri laterali d’ignoto autore; contorni amenissimi e vista che si distende sul corso sottostante dell’Adige e ai monti Paganella, Bondone ecc.

Nave San Felice (202 m. — 138 ab.): piccolo villaggio posto alla sponda sinistra dell’Adige discosto da Lavis 4 Kilm. in direzione di San Michele. Si circonda dei casali Spiazzol, Grillo, Calianer, Spon, Toldino e Fratta, e tiene un porto per transitare da una sponda all’altra del fiume. — Sorni (284 ab): paesello messo in pendio tra Pressano e San Michele. S’allontana dal suo borgo 5. 7 Kilm., e lo abita una popolazione per la massima parte avventizia, venutavi in qualità di coloni. Vi si confeziona il Teroldico, che è forse il vino più robusto del Trentino. — Vigo Meano (567 m. — 613 ab.) si tiene al colle tra Gardolo e Lavis, da cui dista 3.8 Kilm. - Gazzadina (212 ab.) è posta del pari in colle a poca distanza da Lavis (2.8 Kilm.) — Meano (391 m. — 596 ab.) ne dista 2.5 ed è un ameno paesello posto anch’esso sul pendio del monte che ricetta Gardolo di Mezzo, Cortesano, Vigo, Gazzadina e Camparta; frazioni del suo Comune. — Cortesano (272 ab.) si sta lungi dal capoluogo 4.4 Kilm., e sopra un’altura mostra un vecchio castello, che la tradizione vuole un tempo abitato da un tirannuncolo.