Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 Distretto di Mezzolombardo


a tessitura bituminosa die’ campo a scavi di antracite che furono presto abbandonati; — Torra (550 m. — 143 ab.); — Segno (398 ab.), che tutti si discostano da Mezzolombardo 10 ad 11 Kilm. — Vervò (896 m. — 490 ab.): l’antico Vervasium situato sul monte Predaja. Dista dal capoluogo del Distretto 16.1 Kilm. e tiene sul colle di San Martino una vecchia Chiesa con altare dorato, lavoro del secolo XVII. A quel luogo esisteva il castello messovi dai Romani come fanno fede le iscrizioni che si conservano, e nel Castel Brughiero, e nel Museo di Verona.




II.


CASTELLI


(Mezzolombardo, Mezzacorona, Molveno, Belforte, Bellagio, Sporo, Enno, Tono.)


Il castello di Mezzolombardo (Castrum Medii Sancti Petri) s’ergeva sul colle di San Pietro, il quale rasenta le case di quella bella borgata, e se ne sta a mezzogiorno, toccando un’altezza di circa 40 metri dal piano. Colà un tempo, e precisamente al luogo del vetusto tempietto di San Pietro, era il Castello messovi dai Romani con numeroso presidio e abitazioni che si distendevano dal colle alle adiacenze, com-