Pagina:Francesco Ambrosi, Trento e il suo circondario descritti al viaggiatore, 1881.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Distretto di Trento 53

reto rappresentante Gesù nell’Orto, messavi dal nobile Cav. Giacomo Zambelli alla cui famiglia appartiene l’intiero palazzo, poi che venne involata la pala primitiva. — Intorno a questo palazzo corre presso il volgo una leggenda, che lo fa essere fabbricato dal diavolo: È detto, che il Fugger per possedere la mano di una vaga donzella, la quale aveva posto per condizione di volere essere accolta in un’abitazione degna di lei, avesse patteggiato col demonio, e che per opera di questo figlio delle tenebre il palazzo fosse sorto in una sola notte.

2) Il Palazzo Tabarelli, ora Moar-Salvadori, in Via San Benedetto. Esso ricorda nel suo nome il Can. Antonio de Fatis Tabarelli che lo fece edificare con grave dispendio e ricorrendo ai disegni del Bramante. Si distingue da tutti i fabbricati di quella Via pel suo bugnato di pietra che monta dalla base al coperto, interrotto soltanto da medaglioni a rilievo ritenuti lavoro del trentino scultore Alessandro Vittoria.

3) La Casa Cazzuffi, ora Pernetti, nella medesima Via. È tenuta in pregio per gli affreschi, gli spogli Egiziani, che stanno sulla sua facciata; lavoro di Latanzio Gambara di Brescia, allievo e genero del Romanino.

4) La Casa Geremia, ora Podetti in Via larga. Stupendo edificio del secolo decimosesto, dove nell’anno 1508 prese stanza l’Imperatore Massimiliano I; e nella terza riunione del Concilio, ebbe alloggio il Cardinale Gonzaga. — Fuori, sulla parete esterna tutta istoriata a fresco, si distinguono ancora le figure del-