Pagina:Frascherie.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

11

cano più di te ornati alla luce, forse niuno d’essi sarà di te più necessario alla correttione d’un’Età corrotta.

Inchinati al merito di quel Personaggio, à cui sacrasti le tue speranze, prima di farti conoscere, e da cui traesti guiderdoni, prima d’offerirgli i tributi. In questo Secolo vanno anche al rovescio i Pianeti; onde potrebb’essere, che tu conseguissi un giorno dal suo Marte quelle beneficenze, che non assaggiasti mai da un Giove. Vanne in buon’hora. Vivi lieto, e già che sei parto d’una Testa, sforzati d’haver cervello.

Addio Figlio.





TITIANO ABANO


AL LIBRO


Libro, tu nasci adesso,
Non ti lagnar, se in teneri Natali
Provi maligni i mali.
Fà Natura i Bambin nascer infermi,
Genera Invidia ai nati Libri i Vermi.