Pagina:Frascherie.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 Delle Frascherie

acquisto fà guida la Fortuna, al secondo l’Ingegno. Hor chi è colui, che vanti da un Mercurio due beneficij in un tempo, ali, per giungere à notitia di Nuncio, & eloquenza, per distendere una verità d’Historico? 1 Polibio, ò si trovò presente alle maggiori Guerre che scrisse, ò seppe il vero da chi v’intervenne: e questo lume pur basterebbe quando il riflesso fusse di Sole, non di Luna; ma hoggi ò nelle infingardaggini d’una Cittadina Pace si dipingono le Guerre, ò lo Scrittore và mendicando l’elemosina d’una notitia da chi pensa haver merito nelle sue carte, benche sia certo di non poter estrarne altro, che un tozzo muffo, non bastevole à satiare in esso il vacuo d’una curiosità affamata.

L’altro lume è saper scrivere; e questo è quasi più importante dell’haver veduto, per avventurarsi alla Gloria; mà come possono hoggi accreditarsi i fatti, se non ha credito il nome di chi li narra? In Europa son chiari gl’Historici, veridiche le relationi, onde avviene colà à i Lettori, come qui a’ Medici, che all’hora s’accertano della verità de’ mali, quando è loro nota la natura del temperamento. In Asia non và così. Non son noti gl’Historici nelle notitie; e pensano di notificare le notitie in essi. Se la casa hà i puntelli deboli, o rumose le strutture, mal può accer-


  1. Polib.