Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/263

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xii

CAPITOLO XIII

Delle specie e rami discendenti dal vizio della gola.

     Io stava ad ammirar cogli occhi attenti,
quando Palla mi disse:— Ché non miri
del vizio della gola i gran tormenti?—
     Allor mirai; e giammai li martíri
5dir non potrei con questo parlar brieve,
a’ quai conduce Bacco, e li sospiri,
     non per colpa del vin che si riceve
(che utile è da sé e ben conforta,
se temperatamente altrui lo beve),
     10ma perché la fortezza, ch’è giá morta,
par che susciti alquanto nel presente:
però la gente matta e non accorta
     a questo mira; ed anco che splendente
entra e soave, e non sguardan li matti
15che ’l troppo morde, poi, piú che serpente.
     Quindi son gli occhi rossi e i nervi attratti,
il furor cieco, rabido e rubesto,
e di scimia canini e porcini atti.
     Quando Minerva m’ebbe detto questo,
20vidi una donna tutta brutta ed unta,
e col volto lascivo e disonesto,
     ch’avea la vesta stracciata e consunta,
e di cane e di porco avea due grugni
e lingua a spada armata su la punta
     25e le man fure ed artigliose l’ugni,
e, come fa ’l leon, quando divora,
mangiava il pasto, ch’avea tra li pugni.