Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO XXII

La Caritá mena l'autore nel cielo e tratta delle cose superiori ed eterne.


       Il grato e bel parlar, ch'ella facea,
       mi fu interrotto da dolci armonie
       d'un canto d'angel dentro una corea.
       Per questo ad alto alzai le luci mie,
   5   mosso dal cantar dolce e sí giocondo,
       che mai in terra simile s'udíe.
       Veder mi parve allora un miglior mondo
       e tanto bello, che questo, a rispetto,
       è una stalla ed un porcile immondo;
  10   ché questo è brutto, e quel polito e netto:
       lassú son le cagion, qui son gli effetti:
       quel signoreggia, e questo qui è subietto.
       Quando tra canti e tra tanti diletti
       trovarmi vidi ed essermi concesso
  15   di vedere tanti angel benedetti,
       venne la mente mia quasi in eccesso
       pel iubilo soave e tanti balli
       di miglia' d'angel, ch'io mi vidi appresso.
       --Fa', fa' che tosto le ginocchia avvalli
  20   --disse la scorta mia,--e riverente
       va', come a suo signor vanno i vassalli.--
       Allor m'avvidi e non tardai niente;
       e, quando appresso fui, m'inginocchiai
       prostrato in terra tutto umilemente.
  25   Un angel bello, ch'era de' primai,
       mi die' la mano, e, quando mosse il riso,
       di luce sparse intorno mille rai.
       --Noi siam qui posti, e sempre in paradiso
       vediamo Dio; e lí la nostra vista
  30   sempre contempla il suo eternal viso.

p. 384