Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xiii 65

CAPITOLO XIII

Come l'autore trova una ninfa chiamata Taura,
la quale gli rende ragione di molti fenomeni.

     Appena eravamo iti un miglio e mezzo,
ch’io vidi in una valle una donzella
sotto una quercia, che si stava al rezzo.
     Io andai a lei e dissi:— O ninfa bella,
5di qual reame se’? O dolce dama,
deh, fammi cortesia di tua favella,
     e dimmi il nome tuo come si chiama.
Cosí soletta senza compagnia
aspetti tu alcun, che forse t’ama?—
     10Ella si volse e riverenzia pria
fece alla dea; e poi cosí rispose
alle parol della domanda mia.
     — Del van Cupido saette amorose
giammai sentii; ed egli mi dispiace
15e suoi costumi e sue caduche cose.
     Dall’alto regno, che a Vulcan soggiace,
son io venuta all’ombra a mio diletto,
ché starsi al fresco alle sue ninfe piace.
     Se vuoi saper come il mio nome è detto,
20Taura son chiamata e qui dimoro
a questo orezzo e nullo amante aspetto.
     E spesso l’altre ninfe del mio coro
vengono qui e vanno quinci a spasso
con vestimenti e con corone d’oro.
     25Ma tu chi se’ e dove movi il passo?—
Ed io risposi:— L’amor m’ha condutto
per questo loco faticoso e lasso.