Pagina:Galiani, Ferdinando – Della moneta, 1915 – BEIC 1825718.djvu/221

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo quarto 215

CAPO QUARTO

considerazioni sugli avvenimenti della francia
nel 1718 cagionati da una nuova coniata
della moneta con alzamento del
valore di essa

Stato della Francia nel 1718 — Si propone un alzamento — Vi si oppone il parlamento — Prima ragione del parlamento contro all’alzamento esaminata — Seconda ragione esaminata — Conclusione del discorso del parlamento esaminata — Narrazione de’ contrasti tra la corte e il parlamento — Risposta della corte all’antecedente discorso — Rimostranza della Camera de’ conti esaminata — Rimostranza della Camera de’ sussidi — Risposta che meritava l’antecedente discorso — Donde nasceva l’errore del parlamento e dell’altre corti — Quel che seguì dall’alzamento fatto.

Siccome quanto si può dire sull’alzamento fu tutto in Francia nella minore etá di Luigi decimoquinto con grandissima contenzione d’animi disputato tra il parlamento e la corte e seguito da gravissimi accidenti, io stimo cosa non inutile il ricondurre qui ad esame le proposizioni dell’uno colle risposte dell’altra; tantoppiú che l’esempio di una nazione potente ed ingegnosa istruirá piú di qualunque ammaestramento.

Era la Francia nel 1718 oppressa da’ mali che la guerra ultima aveale cagionati, i quali, sebbene non ne durassero le cause, non essendo stati medicati mai, duravano ancora e s’andavano sempre incrudelendo. Filippo d’Orléans, reggente e zio del re, uomo d’animo grande, era non meno afflitto del male che incerto del rimedio. La persecuzione data a’ finanzieri avea vendicata in certo modo la rabbia popolare e saziatala, ma non