Pagina:Galiani, Ferdinando – Della moneta, 1915 – BEIC 1825718.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capo terzo 261

II

considerazioni sull’impiego del danaro fatto
da’ cittadini in compra di stabili soggetti
ad altro principe

Esce il danaro dagli Stati anche per soverchia prosperitá — Cagioni per cui ciò avvenga nelle repubbliche piú che nelle monarchie — Una tale estrazione non diminuisce il commercio — Il conservar il danaro inutile non giova alla repubblica — L’impiegar fuori della repubblica scema la di lei libertá — Ciò non ostante, non s’ha da vietare.

Per una ragione tutta contraria alla calamitá esce similmente il danaro da uno Stato, quanto è a dire per soverchia prosperitá ed opulenza; la quale, essendo stata generata da industria e parsimonia grande, ed avendo fatta crescere la ricchezza de’ cittadini oltre a’ termini convenienti alla patria ove sono nati, gli costringe ad impiegar fuori il danaro, e cosí mandarlo via. Vedesi ciò principalmente nelle repubbliche; e di tutte niuna piú di Genova è stata fertile di somiglianti esempi, avendo popolato con famiglie sue e l’Italia e la Spagna, que’ regni medesimi donde aveano i genovesi tratte le ricchezze. Per quali cause avvenga cosí, non sará inutile il ricercarlo, prima d’entrare a dire s’ei sia male o no, e come e quando si convenga sanarlo.

Sono le repubbliche ordinate piú ad occupare ricchezze mobili che terre e piú a far commerci che conquiste; perché le manifatture e le navigazioni, fondandosi sopra numerose societá, richiedono tranquillitá e sicurezza stabile e lunga. E, sebbene negli Stati monarchici la virtú del principe possa dar ozio, pace e sicurtá, pure ella non può darla durevole oltre alla vita di quel principe, sempre incerta tanto, quanto è dubbia e non conosciuta l’indole e i costumi che avrá il suo successore. Ma nelle repubbliche, essendo il principato costituito da’ cittadini