Pagina:Garbasso - La teoria di Maxwell dell'elettricità e della luce, Torino 1893.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 16 —


Le correnti di polarizzazione dielettrica sono definite dalle relazioni

similmente si possono definire, come correnti di polarizzazione magnetica tre quantità per mezzo delle uguaglianze:

Date queste notazioni le equazioni d’Hertz si possono scrivere:

allora, ricordando un teorema ben noto di Stokes, si enunciano a parole nel modo seguente:

«Se in un campo elettromagnetico si conduce una superficie finita e continua, interamente limitata da una curva , in ogni istante:

a) l’integrale della corrente di spostamento dielettrico preso su e moltiplicato per è uguale all’integrale della forza magnetica lungo ;

b) l’integrale della corrente di spostamento magnetico preso su e moltiplicato per è uguale all’integrale della forza elettrica lungo ».


§ 8.


Dalle equazioni d’Hertz si deducono immediatamente le due

se ad un dato istante sono nulle in ogni punto del campo si avrà sempre: