Pagina:Garbasso - La teoria di Maxwell dell'elettricità e della luce, Torino 1893.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 17 —

tali equazioni sono dette di trasversalità, vedremo il perchè di questa denominazione.


§ 9.


Le perturbazioni che costituiscono la luce sono certamente di carattere periodico, è quindi interessante di studiare le proprietà delle perturbazioni periodiche che soddisfano alle equazioni della teoria del Maxwell.

Si ponga:

e si faccia inoltre:
[*]

Le quantità sono i tre coseni di direzione di una medesima retta (direzione di propagazione), sono i coseni della forza elettrica, i coseni della forza magnetica; noi consideriamo i nove coseni come costanti.

Si sostituiscano i valori (*) nelle equazioni di trasversalità e in quelle d’Hertz: le prime danno

(**)

cioè «la forza elettrica e la forza magnetica sono normali alla direzione di propagazione».

Quanto alle equazioni d’Hertz esse pongono fra le sei relazioni che, date le (**), sono soddisfatte identicamente quando sia ancora

dunque «la forza elettrica è perpendicolare alla forza magnetica».

Per un dato valore del tempo hanno una medesima condizione elettromagnetica i punti per cui

si ha dunque «un sistema d’onde piane normali alla direzione di propagazione».