Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adelaide di savoia 257

dido monumento della sua munificenza, poiché l’Elettore diè una rispettabile somma pel compimento della chiesa parrocchiale, che allora stavano edificando, tanto che a memoria del dono fu ivi posta una epigrafe.

Ma siccome il bel tempo non dura eterno per alcuno, esso volò anche per l’Elettrice, che il 24 luglio rientrava in Monaco e vi riprendeva la vita normale, non restandole di quel suo soggiorno in Italia che dei teneri e mesti ricordi.

Il 24 gennaio 1673, dopo alcuni altri figli maschi, nasceva ad Adelaide un’altra bambina, e di questa nascita la dama d’onore dava annunzio così a Carlo Emanuele, rivelando quali intimi sogni, quali affettuosi progetti avessero intrecciato i due fratelli, in quel loro rivedersi: «Ecco che S. A. l’Elettrice ha mantenuto la parola data a V. A. R. al Cattaio, di farle cioè una sposa per Monsignore il Principe di Piemonte: soltanto se ha un poco ritardato, è stato per farla più perfettamente bella, come infatti lo è» 1.

L’anno appresso, per un fortuito caso, s’incendiò il palazzo Elettorale, nella quale occasione Adelaide fu addirittura eroica per salvare i suoi figli; ma la sua travagliata salute non si riebbe mai più dopo quello spavento, tanto più che un’altra terribile sciagura la colpiva alcuni mesi più tardi; la morte cioè di Carlo Emanuele, il suo fratello diletto e prediletto.

  1. Questa principessa, chiamata dal nome della zia, seconda moglie di Carlo Emanuele, Giovanna Battista Violante, fu invece Granduchessa di Toscana, moglie a Ferdinando, figlio di Cosimo III dei Medici, ed ebbe nel 1727 la rosa d’oro da Benedetto XIII.