Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/491

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

maria cristina di savoia 403

anni, nella notte del 13 marzo 1821, la madre riunì le sue tre figlie nella cappella privata del palazzo, ed annunziò loro l’abdicazione paterna, dicendo: — Il Re vostro padre ha abdicato e noi non siamo più che delle semplici particolari, ringraziamo Dio che salvi sono coscienza ed onore — la meno che si preoccupò della cosa fu certamente Cristina. Soltanto perchè vedeva tutti mesti intorno a se, mesta anch’essa eseguì l’ordine della madre e fece i suoi preparativi di partenza.

A Nizza, dove il Re abdicatario si ritirò, ella visse in seguito felicissima, idolatrata da tutti, festeggiata per l’ingegno facile e pronto; e circondata così da lodi e ammirazioni, ci voleva davvero immensa virtù per non invanire.

Intanto una delle sorelle gemelle, Teresa, si era maritata al duca di Lucca, e nell’estate del 1824 si recarono i genitori a visitarla, seco conducendo anche Marianna e Cristina. Ma quel soggiorno che ad esse piacque tanto, e che designavano lungo, fu invece relativamente breve, perchè il padre, sentendosi ammalato, volle tornare in Piemonte e ritirarsi a Moncalieri, dove poi morì.

Dopo quella dolorosa perdita, la Regina con le due figlie andò a stare a Genova, ospite prima nel palazzo dei duchi di S. Giovanni, poi in quello magnifico dei Tursi. Di qui in breve passarono a Roma, per assistere all’apertura del giubileo, e ivi si trattennero fino a quel maggio 1825. Vi ritornarono poi per la chiusura, il 21 dicembre, ma questa volta il papa Leone XII