Pagina:Gemma Giovannini - Le donne di casa Savoia.djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
66 le donne di casa savoia

nella capitale, merita una speciale descrizione, che io traduco da M.r Costa de Beauregard.

«Era tirato da otto cavalli di vario mantello, scelti appositamente, e costavano circa CINQUANTA lire ciascuno: era guarnito di ricchi tappeti, di quattro grandi guanciali di piuma, coperti di damasco cremisi ricamato d’oro, e così pure le tendine. Il coperchio, o tetto, era all’interno foderato di velluto ricamato d’oro, e di fuori di damasco verde — le ruote erano dorate — le bardature dei cavalli erano di cuoio e velluto verde, guarnite di chiodi di rame giallo e brillante — il resto del carro, maestrevolmente dipinto a stelle verdi rialzate d’oro, con le armi della Duchessa, poi i finimenti del carro erano coperti di velluto rosso, e lo stesso le selle delle cavalcature, con le redini dorate».

Maria aveva allora diciassette anni, e per la sua ingenua bellezza, per le rare qualità del suo cuore, piacque, e presto divenne l’idolo dei popoli che obbedivano al Duca suo sposo.

Del carattere di questo sposo, che all’epoca di tal matrimonio contava trentacinque anni, e che molti han descritto qual persecutore di lei, ecco cosa ne dice il già citato storico: «La caccia e i cavalli erano l’unico suo sollazzo: altronde egli era cupo, timido e soprammodo lo spaventavano i lampi, il tuono e qualunque discorso teneva a fargli pensare alla morte; il suo carattere e le opere sue parevano principalmente muovere dalla