Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO QUARTO. 103

XXIX.


     Argo non mai, non vide Cipro o Delo,
D’abito o di beltà forme sì care.
D’auro ha la chioma; ed or dal bianco velo
228Traluce involta, or discoperta appare.
Così qualor si rasserena il cielo,
Or da candida nube il Sol traspare;
Or dalla nube uscendo, i raggj intorno
232Più chiari spiega, e ne raddoppia il giorno.

XXX.


     Fa nove crespe l’aura al crin disciolto,
Che natura per se rincrespa in onde:
Stassi l’avaro sguardo in se raccolto,
236E i tesori d’amore, e i suoi nasconde.
Dolce color di rose in quel bel volto
Fra l’avorio si sparge e si confonde:
Ma nella bocca, ond’esce aura amorosa,
240Sola rosseggia, e semplice la rosa.

XXXI.


     Mostra il bel petto le sue nevi ignude,
Onde il foco d’amor si nutre e desta:
Parte appar delle mamme acerbe e crude,
244Parte altrui ne ricopre invida vesta:
Invida, ma s’agli occhj il varco chiude,
L’amoroso pensier già non arresta;
Chè non ben pago di bellezza esterna,
248Negli occulti secreti anco s’interna.