Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Ma gli saluta Erminia, e dolcemente
Gli affida, e gli occhj scopre, e i bei crin d’oro.