Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO TERZO. 75

XXIII.


     Ei ch’al cimiero, ed al dipinto scudo
Non badò prima, or, lei veggendo, impetra.
Ella, quanto può meglio, il capo ignudo
180Si ricopre, e l’assale; ed ei s’arretra.
Va contra gli altri, e ruota il ferro crudo;
Ma però da lei pace non impetra;
Che minacciosa il segue, e volgi, grida:
184E di due morti in un punto lo sfida.

XXIV.


     Percosso il cavalier non ripercote;
Nè sì dal ferro a riguardarsi attende,
Come a guardar i begli occhj e le gote,
188Ond’Amor l’arco inevitabil tende.
Fra se dicea: van le percosse vote
Talor che la sua destra armata scende:
Ma colpo mai del bello ignudo volto
192Non cade in fallo, e sempre il cor m’è colto.

XXV.


     Risolve alfin, benchè pietà non spere,
Di non morir, tacendo, occulto amante.
Vuol ch’ella sappia ch’un prigion suo fere
196Già inerme, e supplichevole e tremante.
Onde le dice: o tu che mostri avere
Per nemico me sol fra turbe tante,
Usciam di questa mischia; ed in disparte
200Io potrò teco, e tu meco provarte.