Pagina:Gerusalemme liberata II.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

GILDIPPE


ARGOMENTO.

     Intende in sogno il Capitan Francese
Come Dio vuol che si richiami all’oste
Il buon Rinaldo: ond’egli poi cortese
De’ Principi risponde alle proposte.
Ma Piero che già prima il tutto intese,
I messi invia là dov’han cortese oste
Un mago; il qual lor pria d’Armida scopre
Gli occulti inganni, indi gli ajuta all’opre.



CANTO DECIMOQUARTO.


Usciva omai dal molle e fresco grembo
Della gran madre sua la notte oscura;
Aure lievi portando, e largo nembo
4Di sua rugiada preziosa e pura:
E scuotendo del vel l’umido lembo
Ne spargeva i fioretti e la verdura:
E i venticelli, dibattendo l’ali,
8Lusingavano il sonno de’ mortali.