Pagina:Gerusalemme liberata II.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
96 LA GERUSALEMME

II.


     Ed essi ogni pensier, che ’l dì conduce,
Tuffato aveano in dolce oblio profondo.
Ma vigilando nell’eterna luce
12Sedeva al suo governo il Re del mondo:
E rivolgea dal Cielo al Franco Duce
Lo sguardo favorevole e giocondo.
Quinci a lui n’inviava un sogno cheto,
16Perchè gli rivelasse alto decreto.

III.


     Non lunge all’auree porte ond’esce il Sole,
È cristallina porta in Oriente
Che, per costume, innanzi aprir si suole
20Che si dischiuda l’uscio al dì nascente.
Da questa escono i sogni, i quai Dio vuole
Mandar per grazia a pura e casta mente.
Da questa or quel ch’al pio Buglion discende,
24L’ali dorate inverso lui distende.

IV.


     Nulla mai vision nel sonno offerse
Altrui sì vaghe immagini o sì belle,
Come ora questa a lui, la qual gli aperse
28I secreti del Cielo e delle stelle.
Onde, siccome entro uno speglio, ei scerse
Ciò che là suso è veramente in elle.
Pareagli esser traslato in un sereno
32Candido, e d’auree fiamme adorno e pieno.