Pagina:Ghislanzoni - Abrakadabra, Milano, Brigola, 1884.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 222 —


— È il posto che mi spetta; e non credo che altra persona al mondo più di me ci avrebbe dritto. Noi donne siamo portate ad amare con istinto materno coloro ai quali abbiamo dato la vita, e quando una di queste vite è in pericolo, noi sappiamo che per salvarla nessuna potenza umana uguaglierebbe la nostra!

— Mia madre è morta! — sospirò l’Albani; — le sue carezze e i suoi baci mancarono alla mia giovinezza.

— Nè vi resta il sovvenire di altre carezze, di altri baci, più impetuosi, più ardenti, che in una notte di spasimi atroci, in un’ora di tremenda agonia vi fecero esclamare: la giustizia degli uomini mi avea ucciso e l’amore di un angelo mi richiama alla vita?...

L’Albani si rizzò sui guanciali, ma tosto, vinto dalla spossatezza, piegò il capo su quello della Immolata esclamando: parlami!

— Parlami ancora! la tua voce mi fa bene al cuore.

— Or fanno cinque anni — riprese la donna — al cadere del giorno, io sedeva con mia madre fuor della casetta tutta coperta di edera e di glicinie, posta sul declivio di una collina. Il sole tramontava dietro un padiglione di nuvole ardenti, i cui riflessi di porpora rischiaravano il villaggio come vampa di Incendio. Si respirava un’aria di fuoco. Regnava intorno a noi quel silenzio lugubre che sembra presagire l’uragano. Allo svolto del sentiero che metteva alla nostra abitazione apparve un viandante affannato. Si appoggiò al muricciuolo, e scuotendosi la polvere dagli abiti, pareva cercare collo sguardo una persona a cui chiedere soccorso. Vestiva la tunica bianca del prete riformato, e sotto il suo largo cappello da pellegrinaggio si disegnavano i contorni di un bellissimo viso. Mia madre si alzò. Quel movimento attrasse a noi gli sguardi del Levita, che tosto si diresse alla nostra volta esclamando una parola di benedizione. — La