Pagina:Ghislanzoni - Abrakadabra, Milano, Brigola, 1884.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 269 —


che l’umanità riconosca erroneo e rovinoso il principio da cui oggi è trascinata, — Ebbene! — replicò il Gorini; — dormite per mezzo secolo, e il vostro risveglio segnerà l’epoca delle nostre vittorie. Voi mi guardate con stupore, come se le mie parole uscissero dalla bocca di un pazzo. No! io non sono pazzo, io non posso ingannarmi ne’ miei calcoli; mi tengo sicuro della riuscita. Quello che nella rigida stagione avviene dei serpenti e d’altri animali soggetti al torpore, deve necessariamente riprodursi nell’uomo a mezzo di una ben praticata assiderazione. Nell’uomo assiderato la vitalità può durare parecchi secoli, fino a quando, per una accidentale combinazione o per effetto del volere altrui, non venga ad operarsi il disgelo. Volete voi, illustre pontefice dell’avvenire, sottomettervi alla prova? Io vi ho additata la via; io metterò a vostra disposizione i miei trovati scientifici. Voi prescriverete la durata ed il termine del vostro assopimento. Nel giorno e nell’ora da voi prefissi, i discepoli, istruiti per tradizione dei vostri voleri, verranno a ridestarvi dal lungo sonno, e voi potrete, uomo antico e precursore dell’evo felice, gioire delle mondiali acclamazioni e dirigere l’umanità verso la meta altissima infino ad oggi inutilmente vagheggiata da voi.

«All’udire tale risposta, Malthus stette un istante silenzioso; ma i suoi occhi sfavillanti esprimevano soddisfazione ed assenso. I due scienziati si erano compresi. Di là a quattro ore, il Malthus, il Gorini e gli apostoli seniori, a mezzo della ferrovia funicolare Agudio, salivano alle alture nevose del Moncenisio. Inutile che vi riferisca e descriva di qual maniera si compiesse lassù, per opera dell’immaginoso zoologo, la prova non mai tentata dell’assideramento umano. Ciò che importa sapere, ciò che io sono impaziente di annunziarvi, è che il Malthus, il sapiente Malthus, il divino Malthus, il