Pagina:Ghislanzoni - Abrakadabra, Milano, Brigola, 1884.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 49 —


Quella decisione fu accolta in Europa con poco favore. Ma l’assemblea dei filologi stette dura! Erano molti, circa duemila, e caparbii.

Si accinsero in buona fede all’arduo lavoro. Si accapigliarono per ben cinque anni prima di decidere se il nuovo alfabeto avesse a cominciare coll’o piuttosto che coll’a. Millenovecentonovantanove oratori avevano parlato pro e contro. Quando l’ultimo inscritto si alzò per parlare in merito, una grossa bomba venne a cadere sul tavolo del presidente, e scoppiò con orribile fracasso.

Fuggirono tutti. Que’ buoni filologi, nel calore della polemica, non si erano accorti che la razza latina e la razza tedesca trattavamo da due anni la medesima questione cogli argomenti delle bombe e delle cannonate.

I latini entrarono in Berlino la mattina del 10 gennaio 1925, e occuparono la città malgrado le proteste e le minacce di tutta la Confederazione germanica. Era fissato che quella occupazione militare affrettasse l’effettuazione delle nuove idee.

I preliminari della unione federativa delle tre razze furono stesi a Berlino. Quei preliminari, due anni dopo, nel 1930, ebbero conferma di un trattato definitivo, che fu steso a Parigi e firmato da duemila rappresentanti del popolo europeo eletti per suffragio universale.

I latini, preponderanti di autorità per le recenti vittorie delle armi, ottennero di far accettare la francese come lingua cosmica. Singolare è l’articolo che si riferisce a questa legge. La lingua francese viene accettata a condizione che, per l’uso universale, essa venga traslocata dal naso alla bocca, e purgata dalla blague.

La grande Unione non poteva costituirsi che sopra un sistema di discentramento amministrativo molto frazionato e molto libero.

L’Europa si divise in ventiquattro dipartimenti. L’I-