Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
80 Lo Specchietto


si voleva far sentire urlare. Mia madre si avvide subito che era lui e chiama:

— Nisio, Nisio. — Ma Nisio non rispondeva Sfido; no che gli mancasse il coraggio, ma perchè non aveva più fiato. Mia madre va giù gli apre, e lui va su diritto in camera e piglia il fucile per ritornar fuori. La mamma nel vederlo col fucile, tutto strafigurito, senza discorrere, credè che li fuori ci fosse qualcuno che avesse litigato, o che so io; sicché cominciò a raccomandarsi e dire:

— Nisio! Nisio! che è egli successo? Chi c’è? — E badava a metterglisi davanti all’uscio, perchè aveva paura che non accadesse qualche cosa di serio, e principiò a raccomandarsi e a piangere.

Mi rammento che io nel sentir piangere la mamma svegliai i miei fratelli e dissi:

— Leviamoci e andiamo là a veder che cosa c’è.

Infatti si va là e si vede babbo tutto invelenito il quale voleva, col fucile in mano, andare alla finestra, che corrispondeva dietro casa, proprio di faccia ai noci.

Io durai fatica a riconoscerlo.

Mi rammento sempre che quella sera addosso aveva un pastranone con un bavero grande, di quelli come usavano allora e che aveva comprato a Firenze. Alla voce non pa-