Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 Cecco grullo

— Tonino, senti: finché è celia, è celia... Ier sera Cecco mi domandò se volevo fare all’amore con lui. Figurai di non intendere.... me lo ridomandò, e io mutai discorso. Poi come Dio volle andò via, ma sempre così non c'è da fare. E poi siamo giusti. Ogni giuoco è bello, quando dura poco, e ora che ci ripenso...

— Ormai la celia è fatta.

— E fatta.... e fatta da te. E ora tu pensa a disfarla.

— E come?

— Tu devi fare in modo che Cecco non ci torni più a veglia.

— Quando torna, tu gli devi fare qualche smusata qualche mossaccia.... Già, me lo figuro, non vorrà capire.

— Io no! Se ti rammenti, quando tu mi dicesti di condurlo per una sera o due, dissi di sì tanto per contentarti; tu hai voluto seguitare a condurcelo, benché non volessi, e ora tu pensa a riportarlo via! Lo dicevo io che doveva andare a finir così! Chi ha fatto il peccato, faccia la penitenza!

E anche a Tonino la celia principiava a mettere un po’ di pensiero. Una mattina si dà la combinazione che andando alla fiera con un certo Costo, un capo ameno come lui, e suo fido, si misero a ragionare del più e del meno ed entrarono a discorrere della Lisa.