Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/163

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 La strega


gliuolo ha il mal d’occhio: lo vedesti come la gocciola dell’olio si sparse per tutta l'acqua del piatto, invece di stare ravviata?

— Coteste le son tutte stregonerie!

— Si, stregonerie! Intanto da quel giorno che passò da casa tua quella vecchia maledetta, e che tu non le volesti dare il pane, non avete avuto più bene.

— Non dubitare, è stata lei — disse una dell’altre donne lì del crocchio — ù stata la Cecchina.

— Se la vedessi io girare intorno al mio uscio! È vero che Tabeto non mi manca! Ma...

— Ce ne hai certe frasche! Innanzi che l’abbia contate tutte le foglie, è beli’ e passata l’ora.

— Ecco, Gesù non vuol bugie! Io ci starei a farle quel che le fece Rista del Coretti!

Domandai:

— Che cosa le fece?

— Ogni volta che passava da casa sua, e ci passava spesso, chiedeva sempre un po’ di refe alla sua moglie. E lei glielo dava, ma un giorno Bista le disse:

«Sai com’è? Se ritorna la Cecchina a chieder qualcosa tu non le devi dar nulla.»

«Perchè?»

«Perchè non voglio che ci giri più intorno casa: non vorrei che in ultimo ci dovesse ac-