Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fioraccio 147


a farla pulita. Per esempio a un suo nipotino di dieci o undici anni, che aveva ritirato in casa, gli diceva ogni mattina nel mandarlo fuori:

— E badiamo di non tornare a casa senza nulla stasera!

E se non portava niente, non gli dava da mangiare, e qualche volta anche lo bastonava.

— Se uno vuol mangiare, bisogna che se lo guadagni! — gli diceva.

Vicino alla bottega di Fioraccio c*era quella di una sua zia vecchia, che non ci vedeva quasi più. Fioraccio le mandava in bottega il ragazzo belFe ammaestrato a rubarle i quattrini dalla cassetta; e s’ccome il ragazzo era piccoletto, e allora non ci erano i fogli come ora, gli diceva:

— Alla cassetta ci devi andare, quando la zia tu la vedi sull’uscio, e bada bene di pigliare di quelli bianchi, ma pigliane pochini per volta, perchè altrimenti se ne potrebbe avvedere.

E quando il ragazzo portava qualche moneta di quelle più grosse, Fioraccio gli dava qualche soldo o qualche gingillo. Una volta però videro il ragazzo alla cassetta, e ne toccò quanto un ciuco. Per iscolparsi raccontò le cose, come stavano e disse chi ce lo mandava: ma Fioraccio allora per vendicarsi lo bastonò