Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fioraccio 149


dersi e di rimettersi al buono, almeno sull’ultimo, rincarava la dose, e bestemmiava più di prima; più stava male, più bestemmiava. E per questo motivo in casa non gli ci andava più nessuno; era sempre solo come un cane. Ci andava solamente quella vecchina, che ho rammentato, più per fare un atto di carità che per altro: Ma anche lei diceva a Fioraccio:

— Se non smettete di bestemmiare, io non ci torno più.

— Perchè? — domandava Fioraccio.

— Perchè ho paura che qualche volta il diavolo non abbia a portar via me e voi.

— Ma che diavolo e non diavolo! Se ci fosse davvero, sarebbe venuto prima d’ora a farmi una visita!

Il priore, quando seppe che Fioraccio s’era allettato, disse fra sé:

— E pure bisognerà andarci!

E ci andò, ma dico che quel giorno non desinasse nemmeno. Picchiò e salì le scale. Quando Fioraccio riconobbe la voce del priore, mandò tre o quattro bestemmie in fila, e disse alla vecchia:

— O che vuole da me questo coso? Non lo voglio vedere!

— Come? E perchè non lo volete vedere? Eppure mi pare che il venirvi a fare una visita non sia che una garbatezza!