Pagina:Giovanni Magherini-Graziani - Novelle valdarnesi.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 Il libro del comando


un branchettino, ferme ferme e tutte col muso per aria.»

— Se non l’avesse raccontato una bambina in quel modo, nessuno ci avrebbe creduto. Dopo qualche giorno tutti sapevano di questo libretto di Pietro, e naturalmente la cosa andò anche alle orecchie del priore. Un bel giorno s’imbatte in Pietro, e dopo aver discorso del più e del meno gli dice, cosi senza parere:

«So che tu hai un libro tanto bello: me lo devi far vedere.»

«Io non ho libri.»

«Tu l'hai, tu l'hai, me lo hanno detto.»

«Chi gliel'ha detto ha sbagliato.... e poi secondo lei, che ne dovrei far del libro, se non so leggere? Eppure l’avrebbe a sapere!»

— Il prete, che era un omo fine e che sapeva quale strumento fosse Pietro, vide subito che per quel verso non c’era da levargli nulla di sotto, lasciò andare, e mutò subito discorso. Ma dopo aver parlato un altro poco fece questa domanda:

«L’altro giorno non so chi mi disse che tu cercavi delle assi di castagno; io ce ne ho certe che feci anno di là, e che ora com’ora darei via volentieri anche per poco, perchè a dirla in confidenza, ho la nipote sposa, e son rimasto corto a quattrini. Se le vuoi comprare, fra me e te ci si accomoda.»