Pagina:Giro del mondo del dottor d. Gio. Francesco Gemelli Careri - Vol. I.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Del Gemelli. 19

tando, mercè di lei, dalla parte di Mare un vistoso oggetto, ed al di dentro un vago fiore, che d’ogni tempo spira soavità: senza renderlo giammai secco la rigidezza del Verno, o nocivo l’intemperie dell’altre stagioni; avvegnache, molto calda sia nella State, come fondata su d’una rocca. La sua pianta è simile alla superficie d’una mano, lunga da Tramontana a Mezzodì, con dieci strade ben dritte, e meglio lastricate, che la dividono, cioè cinque all’Occaso, tre ad Oriente scoscese, che s’incurvano, e due nella sommità piane: inegualità di terreno, che non offende punto la sua vaghezza, anzi l’accresce, perche non da luogo di trattenimento alle bruttezze, che tutte rendendosi al mare, fan comparire più belli i palagi, e le piazze dell’istessa. Quanto alla larghezza, vien tagliata da due strade da Levante a Ponente, amendue spaziose, ed eguali. Tiene tre porte: la più frequentata si è quella del Molo, nel cui fosso vi è un buon giardino di melaranci, e limoni, per servigio del Gran Maestro: l’altra è di terra, e la terza è del Lazaretto, fuori della quale è una Polveriera, oltre quelle che sono dentro. Vi sono due profondi fossi dalla parte di


B 2 ter-