Pagina:Giulia Turco Turcati Lazzari - Il piccolo focolare, 1921.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 154 -

Chi più mangia meno mangia.


82. Ciambellette di lievito di soda. — Amalgamate sulla spianatoia 450 gr. di farina fina, due ova (dalle quali avrete sottratto per metterlo da parte un pochino d’albume), 35 gr. di burro, 180 gr. di zucchero, la scorza gialla d’un limone trita finissimamente, mezzo bicchiere di latte crudo e una cartina di lievito di soda. Questo, fareste bene a passarlo da bel principio tre volte allo staccio colla farina. Tirate una sfoglia dell’altezza di mezzo centimetro circa, tagliatela a rotondini con un bicchiere grande o con una scodellerà, poi ad anelli forandoli nel mezzo con un bicchiere più piccolo. Rimpastate i dischetti che vi restano e gli avanzi e ripetete l’operazione. Bagnate coll'albume messo da parte (servendovi d’una penna) i pasticcetti, cospargeteli di granellini di zucchero (questi si ottengono schiacciando lo zucchero con una bottiglia liscia che s’adopera a guisa di matterello) e cuoceteli a forno caldo.

Queste ciambellette sono ottime da gustarsi col vino, e si conservano a lungo.

83. Mostazzini (Basini forti). — Mettete sulla spianatoia 300 gr. di farina fina, 300 gr. di zucchero pesto finissimo, 12 gr. di cannella e 9 gr. di garofani in polvere, se v’aggrada anche un pizzico di noce moscata, più un cucchiaino di carbonato d’ammoniaca fortissimo pesto assai fino. Impastate quest’ingredienti con due albumi d’ovo e con un po’ d’acqua, oppure con acqua e con un po’ di vino bianco, senza gli albumi, stendete il pastone sulla spianatoia infarinata spianandolo all’altezza di mezzo cent, scarso, poi tagliatelo con un bicchiere in tanti tondini. I ritagli si rimpastano e si ripete l’operazione. Collocate i mostazzini a qualche distanza uno dall’altro sulla lamiera unta e infarinata, bagnateli con acqua pura o con albume, cospargeteli di granelli di zucchero e cuoceteli a forno moderato. Essi devono restar grigi, senza prendere colore di sorta; bisogna quindi sfornarli prima che siano duri.

84. Amaretti. — Dimenate 3/4 d’ora 560 gr. di zucchero con 3 albumi naturali, unitevi 280 gr. di mandorle dolci e 280 gr. di mandorle amare mondate e grattate. Cuocete il composto sulla lamiera coperta da una carta unta, disponendovelo in forma di pal-