Pagina:Giulia Turco Turcati Lazzari - Il piccolo focolare, 1921.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPITOLO DECIMOQUARTO



LE CONSERVE DI VERDURE E LA MANIERA
DI CUSTODIRE LE DERRATE ALIMENTARI.


Non lasciare il poco per l’assai, che forse l’uno e l’altro perderai.


1. Peperoni sotto l’aceto. — A questo scopo si scelgono generalmente piccoli peperoni, si mozza loro il gambo, si lavano, si fanno asciugare e un pochino appassire, poi si collocano in una pentola, a strati, spolverizzandoli di sale in abbondanza e, quando la pentola è colma, vi si versa sopra dell’aceto freddo, fortissimo, e si copre ogni cosa con una carta e con un tondino di legno a ciò i peperoncini non marciscano venendo a galla e sporgendo dal liquido. Di tratto in tratto conviene esaminarli e mescolarli con un cucchiaio di legno. Essi si possono gustare in capo a 6-8 settimane. Volendo renderli più morbidi non avete che a farvi un taglio per il lungo nella punta. Se l’aceto diventasse debole e torbido converrebbe cambiarlo. V’è chi leva ai peperoni anche il piccolo calice verde.

2. Cetrioli sotto l’aceto. - Vi sono gli appositi cetriolini per quest’uso, non più lunghi di un dito mignolo. I cetrioli un po’ appassiti che siano, si lavano con uno spazzolino poi si accomoda bene gli uni accanto agli altri in una pentola di terra spolverizzandone ogni strato di sale. Quindi si coprono d’aceto mantenendoli fermi con un coperchietto di legno. Se vi aggrada, potete unirvi qualche grano di pepe, qualche cipolletta, sovratutto una manata di serpentaria, se la coltivate nell’orto. I cetrioli si gustano in capo