Pagina:Giulia Turco Turcati Lazzari - Il piccolo focolare, 1921.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 24 —



Dove c’è la pace ci è Dio.

34. Minestra di lenticchie. - Procuratevi buone lenticchie e di facile cottura perchè il tempo di questa varia da una a tre ore secondo la qualità. In ogni modo potrete sempre affrettarla mettendo nella pentola, insieme alle lenti, un sacchetto ben chiuso con entro 2-3 cucchiai di cenere. Le lenticchie si pongono al fuoco nell’acqua fredda (v’è chi ha l’abitudine di lasciacele giacere prima alcune ore, ma esse perdono il sapore) dopo averle debitamente pulite e lavate che s’intende. Durante la cottura si levano via colla schiumarola quelle che vengono a galla, poi quando l’acqua è in parte evaporata, se si intende prepararle di grasso, ci si mette il brodo. Per allestirle di magro si prepara un battutino fino tritando un paio di cipollette, una carota, un pezzo di radice di sedano, un po’ di prezzemolo e di santoreggia (peverella), se ne fa rosolare la metà nell’olio bollente e si diluisce questo soffritto con l'acqua fredda, in cui si faranno cuocere le lenticchie, alle quali va poi aggiunta l’altra metà del battutino crudo con pepe e sale. Potete calcolare per ogni persona una manata di lenticchie, un cucchiaio d’olio, verdure a discrezione. Volendo prepararle alla tedesca, le farete bollire nell’acqua, e vi unirete a metà cottura un po’ di brodo di farina abbrustolita (vedi pag. 10 N.° 8), più alcuni cucchiai d’aceto che le lenti gradiscono assai. Una sardella lavata (per ogni persona), diliscata, pestata fina e rosolata nell’olio, dà pure un grato sapore a questa minestra. Servendovi delle sardelle ometterete il sale o per lo meno ne userete con molta cautela.


Chi meglio parla peggio fa.

35. Minestra di fave, di ceci, di piselli secchi. — Le fave, i ceci, specie se secchi, si lasciano giacere una notte nell’acqua prima di farli bollire. La loro cottura dura in genere parecchie ore. Le fave si devono sbucciare. Se disponete d’uno staccio e d’un po’ di pazienza, fateli passare, premendoli bene con un cucchiaio di legno. Compiuta quest’operazione diluiteli con acqua o brodo, aggiungendo sale, pepe, e, se vi piace, qualche fetta di pane.

I piselli secchi di qualità verde esigono ore 1 ½ quelli di qualità gialla ore 2 ½ di cottura. Essi si possono allestire come i ceci passati, oppure come le lenticchie, in tutte le maniere. In massima si calcolano gr. 120 di chicchi per ogni persona.