Pagina:Giuochi ginnastici raccolti e descritti per le scuole e il popolo.djvu/83

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giuochi con la palla. 59

quadrilunga (m. 90 x 20), ed è diviso, nel giusto mezzo, da una linea (EF), detta cordino, in due compartimenti eguali.

b) Il compartimento EACF, in cui si comincia il giuoco, e ha il muro d’appoggio alla destra, dicesi Battuta o Tetto, l'altro (BEFD) Ripresa o Rimessa.

c) Il limite opposto al muro d’appoggio, si chiama segno del fallo (CD).

d) I confini minori del rettangolo {AC e ED) sono detti segni delle volate.

e) Questo giuoco può farsi anche senza il muro d’appoggio, e in tal caso la linea AB si dice segno del fallo.

2. L’occorrente al giuoco.

a) Il Trappolino. In cima al campo, nel compartimento della battuta e verso il muro d’appoggio, va posto un arnese di legno a piano inclinato verso il mezzo del campo, detto trappolino.

b) Le palle e lo schizzatolo (Prel. III, 3, A, b, 2.°, pag. 11). La palla che va da un giocatore all’altro, dopo parecchi colpi, per continuare a balzar bene, ha bisogno d’essere rigonfiata, quindi per una partita occorrono almeno sei palle.

b) Bracciali. Ogni giocatore ha un bracciale (fig. 1 e 2, Tav. V, pag. 15).

c) Il cordino. Quando si giuoca col cordino in aria, sulla linea del mezzo viene innalzata una corda o una piccola rete, sopra la quale