Pagina:Giuseppe Aliani, Educazione della donne 1922.djvu/93

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

III.

L’educazione della donna nella famiglia


Grande importanza della pratica delle faccende casalinghe. — Boria pericolosa delle ragazze che pensano solo a studiare. — L’educazione domestica e la coltura ornamentale. — Le buone e utili letture casalinghe. — Danni della lettura dei romanzi. — I giornali per le famiglie. — Santità degli affetti domestici. — Le amiche e le domestiche. — La virtù del sacrifizio e il sentimento religioso. - L’educazione religiosa. — Cure igieniche per la salute delle donne. — Il ballo, il ciclismo, ecc.


Non parlerò delle famiglie che non sono in condizioni di occuparsi seriamente dell’educazione delle proprie figliuole, ma di quelle che possono curarla assiduamente.

A che cosa debbono essere rivolte le cure maggiori dei genitori per l’educazione delle loro figliuole? Secondo me, a far acquistare la pratica delle faccende casalinghe, ad insegnar loro il modo di governare la casa e la grande utilità dell’economia domestica, affinchè diventino buone massaie.

Il benessere d’una famiglia dipende quasi esclusivamente dall’esperta madre, la quale sa far economia in ogni cosa, sa risparmiare su tutto senza far mancar nulla nella casa. Eppure l’opera sua non è spesso de-