Pagina:Giuseppe Grassi - Saggio intorno ai sinonimi della lingua italiana (1821).djvu/96

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
78


« Gli altri denti delle mascelle erano appena coperti da un sottilissimo tenerume, o velo di gengìia.» Redi.

Im nessuno di questi membretti si può sostituire alla voce mascella quella di guancia o di gota.

Ho detto di sopra che mascella può prendere il luogo di guancia o di gota, se lo conceda la dignità del discorso, ed ho inteso di accennare una seconda distinzione da farsi tra quella voce, e quest altre, le quali vengono preferite a mascella per essere più gentili, e monde da quel non so che di grossolano, che accompagna pur sempre questo vocabolo: ond’è che mascella non potrebbe usarsi per guancia in quei versi del Pastor fido:
     » Che s’avess'io cotesta tua sì bella
     » E sì fiorita guancia
Nè in quest'dell’Ariosto senza farli bassi, o ridicoli:
     » Per far al Re Marsilio, e al Re Agramante
     » Battersi ancor del folle ardir la guancia
Neppur potrebbe tener il luogo di gota ne’ seguenti versi del Petrarca:
     » Tornasi al ciel, che sa tutte le vie,
     » Umida gli occhi, e l’una e l’altra gota