Pagina:Gli antichi statuti municipali di Montevarchi.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

1488 sono esclusi dagli uffici di sindaci del camarlingo del comune rettori della Compagnia del latte, operai dello spedale e pesatori del mulino, coloro che non sanno leggere e scrivere, e viene nominato maestro dei fanciulli e predicatore insieme fra’ Mariotto francescano, assegnandogli L. 22 per la scuola e 18 per la predicazione. Nella stessa riforma é autorizzato a fare scuola per Antonio di Francesco da Galatrona cancelliere comune, con facolta’ di ricevere mercede darli scolari: eguale concessione venne fatta ai due successori di ser Antonio nel suo ufficio.

Nella riforma del 1500 il salario del maestro di scuola che deve insegnare leggere, scrivere, grammatica e abaco, e’ portata a 20 fiorini di L. 4 e 5 soldi, con facolta’ di ricevere mercede dagli scolari i cui genitori non pagano gravezze nel comune. Nel 1516 si autorizzano i difensori a nominare, oltre il maestro, occorrendo, anche un ripetitore.

Per quanto riguarda la pubblica salute troviamo nella riforma del 1386 nominati medici del comune maestro Duccio di Trincia e maestro Pietro di lui figlio, coll’ obbligo di risedere a Montevarchi e curare gli infermi di quella terra a tutta cura gratuita (sine aliquod percibendo .... gratis gratis et amore) coll’ annuo salario di L. 100. Venuto a morte maestro Duccio, il figlio Pietro fu nuovamente confermato con salario di L. 80 il 24 novembre 1411. Dopo quell’anno non si trova negli statuti alcun altro provvedimento per nomina del medico comunale per cui e’ da ritenersi che d’ allora in poi