Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/14

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
380 gli sposi promessi

Ambedue i curati furono tosto introdotti nella stanza, dove il Conte stava col Cardinale. Don Abbondio s’inchinò umilmente ad entrambi, e guardava l’uno e l’altro, 1 ma specialmente il Conte; e aspettava che si dicesse qualche cosa,2 per esser certo che non v’erano imbrogli. Il Cardinale prese in disparte il curato di Chiuso, e, dettogli brevemente di che si trattava,3 gli espose la sua intenzione di spedir tosto in lettiga una donna al castello a prender Lucia, affinché questa alla prima nuova della liberazione si trovasse con una donna: il che sarebbe stato per quella poveretta una consolazione e una sicurezza,4 non meno che decenza per la cosa; e lo 5 pregò di sceglier tosto fra le sue parrocchiane la donna più atta a questo uficio per saviezza e la più pronta per carità ad assumerlo.6 «Ne corro in cerca, Monsignore illustrissimo, e Dio compirà l’opera buona.» Detto questo, usci: i radunati nell'altra stanza lo guardarono curiosamente, ma nessuno lo fermò per interrogarlo, giacché si sapeva ch’egli 7 era cosi avaro delle parole inutili, come pronto a parlare senza rispetto quando il dovere lo richiedesse.

8 II Cardinale si volse allora a Don Abbondio, e con vólto lieto gli disse: «Una buona nuova per voi, Signor curato di... Una vostra pecorella, che avrete pianta come perduta, vive, è trovata; e voi avrete la consolazione di ricondurla al vostro ovile, o9per ora in quell’asilo, di che Dio la provvederà.»

10« Monsignore illustrissimo, non so niente, » rispose Don Abbondio, il primo pensiero del quale era sempre di scolparsi a buon conto, e di lavarsene le mani. «Come!» disse Federigo, « non conoscete Lucia Mondella, vostra parrocchiana, che era scomparsa...?»

« Monsignore si, » rispose tosto il curato, che non voleva passare per un pastore spensierato.

«Or bene, rallegratevi,» disse il cardinale, «che Dio

  1. [con] aspettando
  2. che
  3. [lo richiese se avesse] lo pregò che cercasse tosto | e quello ch’egli voleva fare](lacuna)lo pregò se gli sovvenisse tosto di una donna seria e caritatevole, che si potesse tosto spedire in lettiga al castello a prender Lucia, affinché questa si trovasse tosto con una donna condotta |infelice
  4. come
  5. richiese se gli
  6. Monsignore
  7. non avrebbe A margine, in penna:«-era avaro di parole quando era affrettato per eseguire un suo dovere, come - ecc.».
  8. Allora
  9. o in salvo
  10. Non so nient