Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo i - tomo iii 381

ce la restituisce: e questo 1 signore» continuò (accennando il Conte) « è lo stromento, di che Dio si serve per questa opera buona. In altro momento voi mi informerete dei casi e delle qualità di questa giovane.»

— Ahi! ahi! — pensava fra sé Don Abbondio.2 — Bell'impiccio a contar la storia ! Questa donna è nata per la mia disperazione. —

«Per ora,» prosegui Federigo, «quello che preme è di riaverla e di 3 riporla nelle braccia di sua madre e in casa sua, se potrà esservi sicura. Andrete voi dunque con questo mio caro amico» (e cosi dicendo prese la mano del Conte, il quale lasciava dire e fare,4 troppo contento che un tal uomo lo governasse e parlasse per lui): «andrete al suo castello,5 accompagnando una buona donna di questo paese, che ricondurrà quella giovine nella mia lettiga.6 Per far più presto, darò ordine tosto che due delle mie mule sieno bardate per voi e per lui. Vedete,» continuò egli 7 coll'accento di chi è compreso di ciò che dice: «vedete che in mezzo alle tribolazioni, ai contrasti, agli affanni del nostro ministero, Dio ci 8 prepara talvolta consolazioni inaspettate; e, servi inutili che noi siamo! pure ci adopera in 9 opere, nelle quali il bene è visibile; ci vuole cooperatori della sua 10 provvidenza misericordiosa.»

Le parole del Cardinale potevano essere belle, ma in questo caso 11 erano veramente perdute. Don Abbondio, all’udire un tal ordine, senti tutt’altro che consolazione: si trattava di ricondurre in trionfo, alla presenza dell’arcivescovo quella Lucia, nelle cui avventure egli si trovava intrigato un po’ sporcamente,12 nella cui storia era parte, e 13 in un modo e per motivi,14 di cui l’ultima persona, a cui avrebbe voluto render ragione, era certamente quel Federigo Borromeo. Ma questo non era ancora il peggio: si trattava di far viaggio con quel terribil Conte, di entrare nel suo castello,15 senza saper chiaramente a che fare: tutto ciò che il curato aveva inteso raccontare in tanti anni della 16 audacia, della crudeltà,

  1. accenna
  2. Mi toccherà contare [questa] la storia
  3. ricondurla
  4. come
  5. a prendere questa giovane
  6. Darò
  7. [con] con aria
  8. manda
  9. faccende
  10. misericordia
  11. erano più
  12. [dei] dei
  13. per
  14. [egli non avreb | egli avrebbe] ch’egli avrebbe voluto esporre all’
  15. Segno,e a margine, in penna:«.punto fermo».
  16. risoluzioni