Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO VII - TOMO III. 527 venire. Si disputava del supplizio, che sarebbe dato al Vicario di provvisione : chi gli pronosticava le forche, chi il taglio della testa, perché era1 cavaliere; i più moderati si con¬ stavano del bando. Si stabiliva il prezzo'del pane, si fa¬ cevano leggi ancor più severe contra gli accapparatori * e contra i fornaj, si3 benediceva Ferrer e si maledicevano tutti gli altri magistrati. In questi crocchj s’inframmettevano di quei pescatori nel torbido, che avevano dilatata e * tenuta viva la sommossa 5 in quel giorno e gettavano accurata¬ mente i germi per l’indomani, ora mostrando di fidarsi poco delle promesse fatte " in un momento di terrore, e facendo intendere che le promesse non sarebbero ' attenute, se non fossero 8 rimasti uniti quelli, che le avevano fatte uscire con la forza ; ora 9 asserendo che 1,1 nel tal luogo, alla tale ora dell’indomani, vi sarebbe gran concorso, e preparando cosi un concorso, al quale nessuno aveva pensato ancora. "Quelle tali facce, delle quali già al mattino ne aveva riconosciuta al¬ cuna quel prudente le cui parole avevano dato da pensare a Fermo, andavano ora in ronda più che mai origliando,,; sguaraguatando, intromettendosi ai discorsi, per andare a riferire 13 qualche cosa ai magistrati; i'quali tra la battisof¬ fia e la stizza stavano consultando, e aspettando " di cono¬ scere15 un po’ meglio lo stato delle cose, di vedere le acque un po’ abbassate, per piantare un qualche argine. ^Ferino, dopo avere, finché potè, seguita 11 la carrozza, che aveva salvato il Vicario dal furore del popolo e lo condu- ceva legalmente in prigione, si fermò a riaversi un poco, a ricapitolare, a riconoscere i suoi pensieri, che erano tutti ** esultanti. Quel 10 disgusto, che gli avevano recato le grida del sangue e i preparativi della carnificina, aveva dato luogo alla gioia di vedere la giustizia e l’umanità vitto¬ riose,S1 il delitto punito senza delitti, e ” la dignità del ma¬ 1 cavaliere ; i p — 2 Sic. — 3 lodava — * mantenuta — sedizione — 0 nel mo — 7 state — * stati — 9 indicando un luogo | di [avvi¬ sando che) asserendo che nel tal luogo al tal forno era stabilita una posta per l'indomani; e che vi sarebbe garbuglio, | e susurravano | e vi sarebbe l’indomani — 10 al tal forno — 11 [Cominciavano poi ad) Andavano poi in ronda più che mai — 18 gua — 13 lo stato delle cose — 11 di veder l’acqua chiara per risolvere che — 15 bene — 10 [11 giorno era) (lacuna). Il Sole era caduto, e — 11 esultando — lsdi entusiasmo e di speranza. — 10 disgust —20 che chiedevano — e — 22 la forza pubblica 528