Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


SPOSI PROMESSI fatte forse quindici miglia, ' senza essersi allontana*» distante dalla città di cinque o sei, cominciò a sentir fPUl temente gli stimoli della fame: e, avendo veduto n-iuw teguccia d’un villaggio alcuni pani, ben diversi da bianchissimi, che il giorno antecedente aveva trovati . n sue orme,2 ne comperò uno di3 quei pochi quattrinelli ilu gli rimanevano; e prosegui il suo cammino. Finalmon. dopo averne fatto altrettanto, e 4 non rimanendo più chi rt! ore di giorno, egli senti di nuovo la fame, e per ei• !a stanchezza ;6 e la sollecitudine di porsi in salvo diZ luogo al desiderio di cibo e di riposo. Vedeva Fermo i qualche tempo,7 attraverso i campi e le piante, un camn/ mie, e, presolo per meta, si avviò direttamente verso auelir,’ Giunto al paese, " (Fermo non ne sapeva il nome ma p™ veramente Gorgonzola,) vide che era posto su là strari» maestra, stette in forse un momento di 1,1 tornare fuori mi alla fine il bisogno vinse. - Non saranno venuti a cercarmi fin qui: — diss’egli fra sé: -- e qui nessuno mi conosce — " Col conforto di questa riflessione, entrò in una osteria ner ristorarsi con qualche cibo, e per riposarsi, seduto però e finche durava il giorno; perché ai letti ed alle notti delibo steria aveva preso orrore, e all’ultimo1* si sarebbe piuttosto accontentato di dormire al sereno, sotto un noce, in un cam po. Sedette, e chiese13 qualche cosa da mangiare, e un mezzo boccale di vino, calcando la voce sulla parola mezzo, come t per far sentire alla gola che “ quello era la misura prescritta irrevocabilmente, e per farle ricordare gli spropositi del giorno passato. V’erano in quella stanza alcuni oziosi,111 i quali venivano ivi per abitudine, e allora s’erano ragunati anche per la speranza"' che arrivasse qualcheduno'da Milano; il quale portasse le nuove più recenti. Si sapeva in17 cento maniere secondo l’uso antico ed universale, il guazzabuglio del giorno antecedente, e s’era pur bucinato che il mattino la pentola 1 e ”on —V ne. c I entrò — :i Sic. — 4 cominciando — 6 il bi¬ sogno di prender riposo — 11 e risolse di prender riposo — 7 un campanile — s |che alla statura) che parev [e] e presolo di mira — ' era Gorgonzola, ma Fermo non ne — 10 uscirne — 11 [cosi] Con questa sicurezza e al (lacuna) — avrebbe — « [qualche cosa da) una minestra e qualche po’ di compatì — 14 era una misura — 15 i quali oziosi allora coni — 1,; di veder capitare — 17 mille man CAPITOLO Vili -