Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


590 OLI SPOSI PROMESSI visla di quei denari, e’ dati a quel modo, era assa da mille dubbi torbidi e strani.’ Le lettere, che egli fac scrivere a Lucia, cadevano tutte Il mano di Donna Prt a quale certo non le consegnava a cui erano iiidjrj, ma, pci meglio, le leggeva, e si regolava su le notizie ne ricavava. Fermo sempre phi inquieto chiedeva ad la spiegazione di quei dLlbbj e del silenzio di Luck Quandanche Agnese avesse saputo scrivere, nona avrèIjI potuto soddisfare il poveretto, perché a cagione del 8jfr_L le era ignota, ed essa pure non capiva bene il contegno. Lucia con Fermo. La spiegazione di tolto era nel vòto -da Lucia, e che essa non aveva confidato nè meno a), madre. La corrispondenza andava sempre più imbrogli dosi finché ‘ essa fu interrotta dagli avvenimenti, che rab. conteremo nel voiume seguente. FINE DEL TOMO III.’ alla — da mille strani e torbidi [peosieril dubbj (A1.. nelIaj dei quali cercava ad Agnese la soluzione — Scriveva .... — comunicava — per maggior ben — e di qu — ‘ D. ._..I — andò se — gunsero — Sabito sotto, in mezzo alla c