Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


OLI SPOSI PROMESSI fatto già in lui un sentimento abituale, 1 • acquistava allor una nuova forza, una nuova ragione dai suoi nuovi pen sieri.2 La sua condotta di tanti anni lo aveva posto in una situazione tale che per assicurare la sua vita, egli aveva mestieri di molto più mezzi e riguardi che non abbisognai sero al comune degli uomini; e una delle prime riflessioni che gli erano occorse dopo il suo proposito di nuova con¬ dotta, si era che una gran parte di questi mezzi non potevi più conciliarsi con questa sua nuova condotta. Ma egli aveva sentito con persuasione, (e3 probabilmente fu questo uno dei capi, che egli discusse in quel colloquio col Cardinale) aveva sentito che le ingiustizie passate non 1 potevano ren¬ dergli necessarie nuove ingiustizie, che egli doveva assicu¬ rare la propria vita solo perché questo era un dovere, e che era un dovere soltanto fin dove, per adempirlo,5 non si do¬ vesse ricorrere a mezzi leciti;" che i pericoli che potevano nascere per lui nel suo nuovo genere di vita inoffensiva ed espiatoria, erano una conseguenza del male da lui fatto a man salva per si lungo tempo, una punizione ch’egli do¬ veva subire.7 Quindi tutta la vigoria d’animo, ch’egli impie¬ gava altre volte nell’offendere,8 s’era ora trasformata in una vigorosa disposizione a9 tollerare: era un 10 dissimile ma eguale " anzi più forte coraggio ; e continuò a produrre l’ef¬ fetto solito di questo dono: quello di far rispettare colui che ne è fornito. Entrato il Conte nel castello, comandò che si ragunas- sero tutti i suoi... non sapeva trovare un nome che tutti gli. abbracciasse...'! « Tutti gli uomini, » disse, dopo d’avere esitato un momento. L’apparizione misteriosa del mattino, la ripartita e l’assenza avevano destato una grande curio¬ sità : erano già corsi fino al castello 13 romori che annunzia¬ vano la conversione del Conte 14 e il tripudio di tutti gli abi¬ tanti del vicinato, e di quelli che erano concorsi in quel giorno 15 all’arrivo del Cardinale:10 tutti i bravi,17 che si trova- 1 (era) aveva — 2 (Aveva egli tosto riflettuto che | sentito che | Sen¬ tiva egli che la sua situazione frutto della sua vita passata era tale] La sua risoluzione e gli antecedenti della sua condo — 3 forse — J lo — 5 [fosse] bastassero mezzi leciti — f* Sic. che la incertezza —

Con questi pensieri egli era come prima — 8 [s’era ora] s’era ora

trasfusa nella — 0 soffrir — 10 diverso — 11 coraggio — 12 tutti — 13 voci — 14 s’era visto un tripudio negli abitanli del — iu intorno — "‘Se¬ gno di richiamo, e a margine, in penna: « punto fermo». — 17 e tutti quelli CAPITOLO II -