Pagina:Gli sposi promessi IV.djvu/182

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



772 OLI SPOSI PROMESSI 1 certo spavento,2 e con questo ancora una smania di accer¬tarsi, d13 afferrare distintamente con la vista quelle immagini odiose, che le erano come sfumate dinanzi..In una tal confusio¬ne di passioni, o piuttosto in un tale 1 delirio, s’era egli alzato dal suo miserabile strame, e aveva tenuto dietro da lontano ’a quei due. Ma quando essi,5 uscendo dalla via, s’interna¬rono nelle capanne,0 il frenetico non aveva ben saputa rite¬nere la traccia loro,7 né discernere il punto preciso,8 per cui essi erano entrati in quel labirinto. Entratovi anch’egliJ da un altro punto poco distante, non vedendo pit1111 quégli che’ cercava, ma dominato tuttavia dalla stessa 11 fantasia, era an-dato a guardare di capanna in capanna, tanto che s’era tro¬vato a quella, in cui, mettendo il capo su la porta, aveva rivedute15 in iscorcio quelle figure.13 Quivi, ristando stupida¬mente intento,11 udì quella voce 15 ben conosciuta, che nel suo castello aveva intuonata al suo orecchio una p’redica,16 tron¬cata allora da lui con rabbia e con disprezzo, ma che aveva però lasciata nel suo animo una impressione, che s’era ri¬svegliata nel tristo sogno precursore della malattia. *7 Quella voce lo teneva immobile a quel modo, che altre volte si credeva che le biscie stessero all’incanto; quando Lucia s’ac¬corse di lui. Dopo la sorpresa, il primo sentimento di quella poveretta fu una grande paura: il primo sentimento del- Padre Cristoforo e di Fermo (bisogna dirlo a loro onore) fu una grande compassione. Entrambi si mossero verso queirinfermo stravolto, per soccorrerlo, e per vedere di tran¬quillarlo; ma egli a quelle mosse,19 preso da un inespri¬mibile sgomento, si mise in volta, a gambe verso la strada di mezzo; e su per quella verso la chiesa. Il frate e il gio¬vane lo seguirono fin sul viale, e di quivi lo seguivano pure col guardo: dopo una breve corsa, egli s’abbatté presso ad uu cavallo dei monatti, che, sciolto, con la cavezza pen¬dente, e col capo a terra, rodeva la sua profenda: il furi¬bondo afferrò la cavezza, balzò su la schiena del cavallo, 1 grande — - con questo ancora una (smania di accertarsi | smania di] smania — 3 vedere distintamente — * delinq — entrarono nelle f — 6 il tre — 7 ed era entrato in una | da un punto diverso — 8 dove essi erano — 9 per — 19 quegli che — 11 smania — 12 que — * aveva — 11 per accertarsi — 11 d! ben — 16 che noi abbiamo riferita, quella [spezzata] interrot — 17 Tanto più egli stava intent (lacuna) — 18 fermo, come — 19 invaso