Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 169

Brighella. No gh’è mal. Ma se la savesse! Me despiase de una cossa, ma me despiase assae.

Momolo. Coss’è? xeli al giazzo1?

Brighella. Credo che i gh’abbia dei bezzi, ma se gh’ha tacca alle coste quel dretto de missier Ludro; bisogna che a sto sior forestier ghe piasa a zogar, i xe intrai in discorso de zogo, i s’ha messo a taolin per devertimento, e el devertimento xe cussì fatto, che Ludro taggia alla bassetta e el foresto perde a rotta de collo2.

Momolo. Me despiase. Podevelo dar in pezo? So che can che el xe quel baron de Ludro. Fé una cossa, meneme mi là drento dove che i zoga, introduseme con bona maniera; poi esser che fazza nasser una bella scena.

Brighella. No voria che fessimo dei sussuri.

Momolo. Gnente, lassè far a mi; savè chi son. Levemoghe sto can dalle recchie de quel gramazzo.

Brighella. El me fa compassion. (entra in locanda)

Momolo. Andemo3. Se sta patrona me piase, spero che no butterò via el mio tempo. (entra in locanda)

SCENA VIII.

Camera nella locanda.

Silvio, Beatrice, Ludro.

Silvio. Lasciatemi stare una volta; non mi accrescete la disperazione. (a Beatrice, sfuggendola)

Beatrice. Si farà una bella figura in Venezia, se seguiterete così.

Ludro. Cossa vorla far? No la lo mortifica.

Beatrice. Avete bel dire voi, signor amico di ore, dopo avergli guadagnato i danari.

Ludro. Questi xe accidenti, patrona. Tanto podeva perder i mii bezzi anca mi. Se sta volta4 l’ha perso, un’altra volta el vadagnerà.

  1. Se sono spiantati. [nota originale]
  2. A precipizio. [nota originale]
  3. Mancano nell’ed. Zatta le parole che seguono.
  4. Ed. Zatta: se una volta.